Il potere delle abitudini – Charles Duhigg

Gennaio 27, 2024

Light on

TEA
Il potere delle abitudini di Charles Duhigg

Il potere delle abitudini di Charles Duhigg

Cosa si cela dietro le abitudini?
Il meccanismo stimolo-routine-ricompensa e l’analisi scientifica di Duhigg

Possiamo anche non rendercene conto ma non c’è dubbio che gran parte del nostro comportamento è caratterizzato da azioni automatiche che ogni giorno compiamo nello stesso identico modo: le abitudini.
Queste sono difficili da acquisire e, allo stesso tempo, difficili da cambiare o abbandonare.
Motivo per il quale è di fondamentale importanza comprendere gli aspetti scientifici dei meccanismi di formazione e dei meccanismi di abbandono delle abitudini.Nel suo libro “The Power oh Habit”, Duhigg illustra molte scoperte scientifiche avvenute negli ultimi decenni, importanti per comprendere le dinamiche alla base delle abitudini.
In particolare, il meccanismo che caratterizza la formazione di un’abitudine – meccanismo comune a tutte le abitudini e a tutti gli individui – è stato individuato essere del tipo stimolo-routine-ricompensa.

Ciò significa che ogni abitudine, una volta formatasi e dunque acquisita dalla nostra mente e dal nostro corpo, sarà sempre prima innescata da uno “stimolo”, poi “messa in atto automaticamente per routine” e, infine, seguita da una “ricompensa” legata allo scopo-risultato dell’abitudine stessa. Ogni volta che si ripresenta lo stesso stimolo in un individuo nel quale è già presente e radicata una specifica abitudine, lo stimolo la innesca e la ricompensa la rafforza secondo un processo ciclico e iterativo. Charles Bukowski affermava che “La gente si aggrappa all’abitudine come a uno scoglio, quando invece dovrebbe staccarsi e buttarsi in mare. E vivere.”

Probabilmente, il poeta pulp aveva ragione, dato che ciò che spesso manca e non si riesce ad acquisire è la consapevolezza alla base delle proprie abitudini.

Diventiamo, con il passare del tempo, dipendenti dalle nostre abitudini che, pur se non funzionali alla crescita e allo sviluppo, ci permettono di rimanere “tranquilli” nel nostro “piccolo mondo” e ci “proteggono” dalle incertezze e dalle paure di un viaggio alla scoperta del mondo esterno.

 

Autore

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *