I borghi invisibili. Quattro leggende per quattro tradizioni ormai mute di Domenico Notari

Dicembre 1, 2023

Light on

Officine Pindariche
I borghi invisibili. Quattro leggende per quattro tradizioni ormai mute Di Mimmo Notari

I borghi invisibili. Quattro leggende per quattro tradizioni ormai mute di Domenico Notari

Quattro appassionanti leggende per quattro borghi “invisibili”, e quattro piccoli, deliziosi graphic novel che si affiancano per illustrarle.
Un lago dalle profondità inaccessibili compare, come un miraggio, a Roscigno. Dal suo fondo, una misteriosa sirena seduce un giovane scienziato settecentesco, fino a spingerlo a inventare il primo scafandro da palombaro e a raggiungere le sue braccia maledette. Il fantasma di un molosso, appartenuto a Ferdinando IV di Borbone, guaisce ogni 10 del mese, spaventando il borgo di Serre. La sua statua, opera del Canova, decora con la sua bruttezza la reggia di Persano. Qual è il suo mistero?Un orologiaio, dalle simpatie garibaldine, dona alla chiesa di Palomonte un automa capace di servire messa, è il 1860. Il paese diventa presto l’attrazione del circondario. Finché l’inventore non viene tradito da Garibaldi; e per vendetta non riprogramma il suo automa.1883, un ragazzo e un “fanciullin cortese” si incontrano a San Cipriano Picentino. Il primo diverrà, trent’anni dopo, il più grande filosofo italiano. Il secondo è stato un grande poeta più di tre secoli prima, ed è tornato in paese con il compito di salvare la vita e l’anima del filosofo. 

Autore

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *