Un tempo per amare un tempo per morire di Vito Bruschini

Gennaio 27, 2024

Light on

Bertoni Editore
Un tempo per amare un tempo per morire di Vito Bruschini

Un tempo per amare un tempo per morire di Vito Bruschini

Siamo nei primi anni Sessanta e i collegi a quel tempo erano simili a lager, dove le suore imponevano regole umilianti, punizioni corporali e oltraggi psicologici devastanti. Il piccolo Emanuele è uno spirito libero, un sognatore e vive con affanno le limitazioni imposte dalla terribile Madre superiora. All’ennesima ingiustizia subita sradica il nespolo, l’albero delle punizioni e fugge dal collegio. Emanuele è destinato a essere uno di quei ragazzi senza futuro, senza obiettivi e sogni da inseguire. Niente sembra emozionarlo, neppure i suoi primi amori. Si adatta a fare l’operaio in un mobilificio dove però subisce un incidente: una sega circolare gli mozza di netto la mano sinistra. Ormai vede la sua vita come quella di un handicappato, ridotto in povertà a chiedere l’elemosina fuori dalle chiese. Ma un giovane chirurgo riesce a ricollegare l’arto al braccio. È la prima volta che in Italia viene affrontata un’operazione del genere. Il Professore diventa per lui una sorta di Maestro Jedi che gli fornisce i primi rudimentali insegnamenti di vita. Gli parla dell’”energia sottile”, la forza che guida le emozioni, i pensieri e la creatività. Emanuele vede la possibilità di riprendersi i suoi sogni. Rimessi al loro posto i cocci di un’anima in frantumi ora è in grado di affrontare le numerose avventure amorose e gli eventi sociali e civili degli ultimi quarant’anni della sua e nostra storia. Fino a diventare un imprenditore di successo e a coronare il suo sogno: offrire al chirurgo la direzione di un istituto di riabilitazione. 

Autore

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *